dcsimg

spazio

Un giorno in assenza di gravità

La giornata tipo di un astronauta per alcuni versi è piuttosto ripetitiva, scandita in maniera precisa da diverse attività che ogni componente dell’equipaggio deve portare a termine. Oltre a lavorare perché tutto funzioni correttamente e a portare a termine esperimenti scientifici, ogni membro dell’equipaggio deve occuparsi di mantenere una condizione fisica ottimale. Proprio per questo, a turno, e più volte al giorno (almeno un paio di ore) gli astronauti si sottopongono a sessioni di ginnastica, cyclette e altre attività fisiche.
Ci sono poi i collegamenti con la base e le conferenze pubbliche con giornalisti, politici e studenti. Ma gli astronauti dovranno pur avere il tempo di mangiare, dormire, insomma di compiere le azioni comuni a ogni uomo? Certamente, ma non senza qualche piccola complicazione! Per esempio per quanto riguarda il mangiare, c’è un piccolo inconveniente: si percepiscono poco i sapori e gli odori. In assenza di gravità, infatti, i liquidi tendono ad accumularsi nelle zone superiori del corpo, questo fa sì che gli astronauti abbiano spesso il naso tappato, con una conseguente diminuzione della sensibilità olfattiva e del gusto.
E per dormire? Nello spazio non c’è un alto o basso, quindi non c’è una posizione sdraiata o in piedi. Per dormire, gli astronauti si infilano dentro degli speciali sacchi a pelo precedentemente attaccati in qualche punto della stazione. In questo modo, durante il sonno, non ondeggiano sospesi nell’aria ed evitano di urtare contro le pareti dei moduli.
E dopo una giornata di lavoro… una doccia rilassante! Non proprio, bisogna stare attenti alle gocce! L’equipaggio deve sempre assicurasi che l’acqua non invada gli abitacoli, attaccandosi alle pareti, insinuandosi tra gli elementi elettronici e meccanici. Ogni astronauta entra quindi in una cabina separata, ben isolata dall’esterno, dove viene creata una sorta di pioggerellina in sospensione. Le singole gocce vengono poi letteralmente premute sulla pelle in modo che aderiscano al corpo. Successivamente, dopo essersi lavati bisogno eliminare una a una ogni gocciolina strofinandosi accuratamente il corpo con un panno apposito. Non è certo quello che si può definire un momento di relax!

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006