dcsimg

ecosistemi

Pollo sultano, vivrai!

Un esempio di reintroduzione è il progetto del pollo sultano (Porphyrio porphyrio) nella Regione Biogeografia Mediterranea, condotto dalla LIPU.
Il pollo sultano è presente in tutta l’Africa, l’Asia tropicale e buona parte dell’Oceania. La sottospecie (Porphyrio porphyrio porphyrio), tuttavia, è estremamente rara e localizzata. Il suo areale originario comprendeva le aree costiere del Mediterraneo centrale e occidentale. Le massicce opere di bonifica delle paludi mediterranee, abbinate alla forte pressione dei cacciatori, hanno portato a un progressivo declino di questa sottospecie. Il pollo sultano è scomparso in questo secolo da Grecia, Portogallo, Puglia e Sicilia, mentre le popolazioni spagnola e sarda sono arrivate sull’orlo dell’estinzione.
Un progetto di reintroduzione è in corso in Portogallo, mentre sulle coste francesi é in corso la ricolonizzazione naturale, a partire dalla popolazione catalana. In questo scenario s’inserisce il progetto di reintroduzione in Sicilia. L’area d’intervento è costituita dalle zone umide della Sicilia sudorientale (province di Catania, Siracusa e Caltanisetta). Le zone umide superstiti sono quasi tutte sottoposte a tutela da una serie di riserve regionali e presentano ambienti assai idonei alla specie.
Gli individui introdotti sono donati dal governo della Comunidad Valenciana in Spagna. I primi 14 individui sono stati rilasciati il 7 ottobre 2000 nella Riserva del Biviere di Gela (Caltanisetta). Attualmente i soggetti rilasciati sono sottoposti ad attento monitoraggio e sembrano essersi ben adattati alla vita in libertà. Altri arrivi sono previsti a cadenza semestrale nei prossimi anni. In parallelo si sono svolte azioni di miglioramento dell’habitat, finalizzate al miglioramento delle possibilità di sopravvivenza della popolazione reintrodotta.

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006