dcsimg

energia

Il parco di Porto Marghera

A Porto Marghera (Venezia) è stato istituito l’Hydrogen Park, il più grande polo mondiale per la produzione e lo sfruttamento dell’idrogeno. L’obiettivo è quello di sfruttare le potenzialità di un’area industriale ed energetica come questa per far compiere un salto di qualità all’impiego dell’idrogeno, lanciando una serie di applicazioni dimostrative che serviranno a far penetrare gradualmente questo vettore energetico nei diversi settori della società.
In questo parco 5.000 tonnellate di idrogeno all’anno verranno ottenute recuperando i sottoprodotti degli impianti chimico-industriali già esistenti. Altre 5.000 tonnellate saranno ottenute dai nuovi impianti di gassificazione del carbone.
L’idrogeno servirà poi a far funzionare un nuovo impianto di cogenerazione a turbogas (da 20 megawatt) per la produzione di energia elettrica e di calore. Sarà inoltre realizzata una serie di microgeneratori con celle a combustibile per condomini, ospedali e centri commerciali.
Con 5.000 tonnellate di idrogeno, trasportate attraverso un idrogenodotto, verranno alimentati i vaporetti della laguna di Venezia, ma anche gli autobus e 17.000 vetture all’anno (con una percorrenza di 10.000 chilometri ogni anno).
Attraverso piattaforme galleggianti, l’anidride carbonica prodotta dalla centrale a carbone verrà pompata in giacimenti sottomarini fino a una profondità di 3.000 metri, dove resterà intrappolata sotto la pressione dell’acqua, o verrà immagazzinata in giacimenti sotterranei. In questo modo si faranno risalire in superficie il petrolio e il gas residuo che i sistemi ordinari non sono ancora riusciti a recuperare.

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006