dcsimg

energia

Idrogeno dalla canna da zucchero

Il Centro di Ricerca Interuniverstario per lo Sviluppo Sostenibile (CIRPS) ha condotto uno studio in Perù in collaborazione con l’università di Chiclayo e Piura sulla possibilità di produzione di idrogeno dalla canna da zucchero.
La canna da zucchero è una delle più interessanti biomasse nel mondo per la produzione di energia poiché possiede:

  • un alto tasso di energia prodotta per ettaro;
  • un’ampia tipologia di residui ad alto contenuto energetico (foglie e cime, melassa, bagasse);
  • nessun costo di produzione e trasporto poiché la maggior parte dei residui è prodotta e usata nelle aziende (l’unico costo è quello della raccolta delle foglie e delle cime nei campi);
  • caratteristiche favorevoli di coltivazione (caldo, clima umido, bassa richiesta di pesticidi e fertilizzanti chimici), ma grande quantità d’acqua (1500 millimetri all’anno).

Gli scarti delle canne da zucchero potrebbero diventare una sorgente economica per le aziende produttrici di zucchero attraverso le tecnologie avanzate di produzione dalle biomasse di vettori energetici quali l’idrogeno. Questa potrebbe diventare una delle più promettenti ed economiche possibilità di produzione di energia se verranno utilizzate le tecnologie avanzate delle celle a combustibile.

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006